Crea la tua strategia social rispondendo a queste 5 domande

Crea la tua strategia social rispondendo a queste 5 domande

Come impostare da zero la propria strategia di comunicazione digitale per i social media o come modificare la strategia esistente se non stai ottenendo i risultati desiderati? Per iniziare a creare la tua social media strategy è fondamentale che tu risponda a 5 domande. Quali? Le vedremo insieme in questo articolo del nostro blog.

Il Social Media Plan è la base della tua strategia social

Non basta creare contenuti, e non basta nemmeno organizzare un Piano Editoriale , anche se è un elemento fondamentale. In questo articolo ci fermiamo a uno step precedente al Piano Editoriale. A monte infatti è necessario definire una strategia che dal punto di vista tecnico si chiama Social Media Plan.

Il Social Media Plan è un vero e proprio piano di comunicazione, indispensabile per gestire la tua presenza nei social media, soprattutto se sei un professionista o un’azienda. Non solo i grandi brand devono dotarsi di questo strumento strategico ma qualsiasi attività che abbia intenzione di essere presente in modo professionale nei social network. Ovviamente, più un brand è strutturato, maggiore sarà la complessità del Social Media Plan .

Come si costruisce un Social Media Plan?

La redazione di un social media plan può essere suddivisa in tre step:

  • analisi preliminare e definizione degli obiettivi;
  • definizione della strategia;
  • fase operativa.

L’analisi preliminare e la definizione degli obiettivi

In questo articolo ci concentreremo sul primo step necessario per impostare un Social Media Plan efficace: l’analisi preliminare.

E’ fondamentale fare un’accurata analisi dello scenario in cui il brand è presente per capire le dinamiche del settore in cui opera. Bisogna analizzare la brand reputation, cioè la percezione di partenza che il mercato ha di quel brand, per capire se è già posizionato correttamente o se devono essere valutate delle iniziative finalizzate a modificare la percezione del brand stesso presso il pubblico.

Si devono analizzare eventuali social media account già presenti per verificare che siano configurati correttamente dal punto di vista tecnico e per valutarne le prestazioni.

Inoltre sarà molto importante effettuare anche un’analisi dei principali competitor del settore.

E poi bisogna appunto porsi e dare risposta alle 5 domande di cui abbiamo parlato all’inizio di questo articolo.

Domanda 1: Chi sei e cosa fai?

Cosa ti contraddistingue, di quale attività si occupa il tuo brand/azienda? Sembra banale ma invece è importantissimo definire con precisione la propria identità perché è il punto di partenza per stabilire quale sarà la tua immagine social. Sei un artigiano che produce scarpe su misura? Sei un professionista che si occupa di consulenza legale? Sei una azienda che produce imballaggi? Sei un travel blogger? Ovviamente potremmo continuare con gli esempi all’infinito.


Rispondere a questa domanda serve in primo luogo a te: la tua presenza social e i tuoi profili devono rispecchiare chi sei.

Facciamo un esempio. Se sei un consulente legale e per passione sei un sommelier, nel tuo profilo, sempre ovviamente partendo dal presupposto che tu voglia utilizzare quel profilo per ragioni professionali, deve emergere chiaramente la tua professione ed eventuali contenuti riguardanti una tua passione personale devono essere marginali. Perché? Perché tu vuoi che ti seguano persone interessate alla tua professione, se tu pubblichi troppi contenuti riguardanti un tuo hobby inizieranno a seguirti persone interessate a quell’argomento ma che magari non hanno nessun interesse per la tua parte professionale. Anzi in molti casi è preferibile avere due profili, uno professionale e uno dedicato a contenuti privati o se si decide di utilizzare un profilo solo bisogna appunto stabilire un equilibrio.

Domanda 2: Quali sono i tuoi punti di forza?

Cosa ti riesce bene? Cosa ti riesce facile? Per cosa ti apprezzano le persone? Rispondere a questa domanda ti permette di capire su che tipologia di contenuti indirizzarti. Sei una persona loquace, molto brava a parlare e a coinvolgere le persone? Allora sicuramente nella tua strategia non potranno mancare video parlati. Sei più brav* a scrivere? Allora valuta la creazione di un blog e di contenuti social testuali. Sei molto competente a livello tecnico? Focalizza la tua comunicazione sulla spiegazione di case study e tutorial. Ti piace metterti in gioco e scherzare? Allora puoi pensare di creare una comunicazione più leggera e coinvolgente.


Elencare i propri punti di forza permette di diventarne maggiormente consapevoli. Nel lungo periodo è necessario identificare un modo di comunicare che ti rappresenti. Se ad una persona non piace parlare in pubblico, non si può pensare di basare una strategia social sui video, perché se una persona non si sente a suo agio, farà molta più fatica a creare contenuti e i contenuti creati avranno una resa poco efficiente. In questo caso si deve creare una strategia diversa che valorizzi i punti di forza di quella persona o brand.

Domanda 3: Chi è il tuo pubblico?

A chi ti rivolgi? Rispondere a questa domanda ti permette di identificare il tuo target. Anche questa è una domanda basilare per creare la tua strategia social perché devi sapere a chi parli per capire quali piattaforme social scegliere per la tua comunicazione.
In primis c’è una enorme differenza se il tuo target sono i privati o invece altre aziende/brand perché si tratta di due tipologie di comunicazione completamente diverse.

Anche nel mondo dei privati troviamo una miriade di differenze.
Facciamo anche qui un esempio. Se sei un artigian* che vende online gioielli personalizzabili, parlerai a un determinato pubblico molto diverso da quello di una azienda che si occupa di vendita di prodotti per la pulizia della casa. Questo è un aspetto molto importante da analizzare perché devi comunicare nei social dove ci sono persone interessate ad ascoltare quello che hai da dire altrimenti sprechi inutilmente risorse ed energie.

Domanda 4: Quante risorse puoi destinare al tuo progetto?

Quanto tempo puoi dedicare alla tua comunicazione social? Quanto budget economico hai a disposizione? Rispondere a queste domande ti permette di definire il tuo budget, dove con budget non si intendono solo le risorse economiche perché ormai tutti sappiamo che per creare i contenuti per i social media ci vuole anche tempo. Puoi fare tutto da sol* o farti aiutare da qualcuno, ma in ogni caso si tratta sempre di avere delle risorse da destinare al progetto.
Quindi è fondamentale stabilire prima un budget e creare una strategia di comunicazione che rientri nel budget definito.

Continuiamo con un esempio pratico. Mettiamo che decidi di iniziare creando da sol* tutti i contenuti social e inizi a pianificare ogni giorno la pubblicazione di post e video. Per creare quei contenuti devi comunque destinare delle risorse: il tuo tempo. Quanto tempo ci vuole per crearli? 2 ore al giorno? Tu hai 2 ore tutti i giorni a disposizione? Hai un giorno a settimana disponibile? E se tu non hai tempo e chiedi il supporto di un professionista, quanto ti costa? Hai pensato che con molta probabilità dovrai sponsorizzare dei contenuti a pagamento e fare delle campagne social? Anche quelle hanno un costo.

Definire questo budget comprensivo di tutte le risorse sia economiche che temporali è importantissimo per costruire una strategia coerente con le risorse realmente disponibili e non partire a caso e poi rendersi conto in corsa che la coperta è troppo corta rispetto a quello che si vuole fare.

Domanda 5: Quali sono i tuoi obiettivi?

Dopo aver valutato lo scenario di partenza e aver risposto alle prime 4 domande è il momento di tirare le somme e stabilire quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere tramite la propria attività nei social media. Ovviamente gli obiettivi saranno molto diversi per shop online piuttosto che per attività locali. Un personal brand e un’azienda strutturata avranno logicamente obiettivi diversi. Vuoi ottenere maggiori acquisti nell’e-commerce? Maggiori contatti? Portare visite presso la tua sede se hai una attività locale? Modificare la tua brand reputation?

Gli obiettivi devono essere realistici, realizzabili e soprattutto misurabili; questo permetterà in ogni momento di verificare se le azioni che stai intraprendendo ti stanno davvero portando dove vuoi arrivare.

Crea la tua strategia social

Tutta questa lunga fase di analisi preliminare e di definizione degli obiettivi è quella che ti permette di definire la tua strategia di comunicazione nei social media. Su quali canali social essere presente, con quale brand voice, qual’è la mission del brand, quali sono i valori che vuoi trasmettere al pubblico, che linguaggio ti caratterizza e ti permette di entrare in sintonia con la target audience. In questa fase viene anche definito l’aspetto legato alla politica di advertising che dovrà essere utilizzata e il budget da destinare ad essa.

Se vuoi approfondire gli step successivi della creazione di un Social Media Plan, leggi anche il nostro articolo Come creare un Social Media Plan efficace

ABBIAMO PARLATO DI QUESTO ARGOMENTO ANCHE NEL NOSTRO PODCAST PROSPETTIVE DIGITALI. ASCOLTA LA PUNTATA COMPLETA SU SPOTIFY


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ti scriveremo una volta al mese per aggiornarti sulle principali novità del mondo digital e social
e per informarti di eventuali promozioni e codici sconto.